martedì 19 agosto 2014

Diamond Eyes

Hudson and Troop, nuovissimo autore, anche perché ha solo 3 fans, avendo esordito quest'anno. Non mi chiedete chi sia, non ve lo saprei dire. Ha inciso non più tardi di 4 mesi fa questo singolo, un brano melodico, frameless, letteralmente, senza cornice Frameless – Hudson and Troop
Diamond Eyes
Che sia una ricorrenza cinquantennale festeggiata dall'antico popolo ebraico, oppure un'indulgenza plenaria concessa dal pontefice, ogni tot anni, eccoci al giubileo. Comunque lo si voglia definire, ecco una strada, ad esso dedicata,
Jubilee Street, brano di Nick Cave & the Bad seeds

Diamond Eyes
Dalle cose speciali, straordinarie, passiamo a quelle quotidiane. Affari, questioni di ordinaria amministrazione, come questa di Paul Kelly. Ci canta how to make gravy, ovvero, come fare il sugo Paul Kelly - how to make gravy

Diamond Eyes 
Butterfly Boucher è un'artista australiana che presento per la prima volta. Aveva debuttato una decina di anni fa con dodici brani ed un album, Flutterby. Non c'erano più notizie di lei, quindi, dopo due lustri, ha pensato bene di uscire con un singolo, questo che vi faccio ascoltare, mi tira sotto  
it pulls me under – Butterfly Boucher
Diamond Eyes
Sembra autunno, e quasi lo è, nonostante manchi poco più di un mese al suo inizio. Adesso, arriva anche un brano, intitolato così, dei 
Bear in Heaven – Autumn

Diamond Eyes
Occhi di ghiaccio, come si dice con un'espressione usata ed abusata. Per descrivere, ad esempio, il volto di James Bond. Qui però, non sono occhi di ghiaccio, ma occhi di diamante, Diamond Eyes. Non si guardano, ma si ascoltano, con la splendida interpretazione di The Black Angels – Diamond Eyes

Diamond Eyes
Potrebbe essere un figlio, solo che non è son, ma sohn. Bene, è un figlio lo stesso, solo che è tedesco. Questo figlio ha inciso Artifice, un singolo che poi ha anticipato anche l'uscita dell'album Tremors, due mesi dopo Sohn - Artifice



 Diamond Eyes 
Un dolore, sorrow. Non bello, non facile, da vivere, da sopportare. Speriamo passi presto, cerchiamo di pensare ad altro. C'è anche una bella colonna sonora, che ci può aiutare. E' quella che hanno fatto i National, sempre bravissimi National – Sorrow

Diamond Eyes
Va tutto bene, è tutto ok. Meglio di così!! It's Alright, It's Ok, è anche il prossimo brano, dei Primal Scream, pezzo che, quanto meno per il titolo, ci consente di rilassarci, preparandoci alla prossima, inevitabile, rottura     
Primal Scream – It's Alright, It's Ok





Diamond Eyes

Nessun commento:

Posta un commento